Donne d’onore: storie di mafia al femminile

I libri hanno vita propria. Li immagino girovagare nelle ore antelucane tra gli scaffali della libreria o prendere un aperitivo seduti sui gradini delle scale (li ho sistemati pure là perché non so più dove metterli…) per poi risistemarsi non appena sentono la mia sveglia.

Deve essere successo così anche per questo. Non lo trovavo più, sepolto com’era tra la prima e la seconda fila nella sezione narrativa, e oggi TA-DAAAA… eccolo che ricompare davanti ai miei occhi. Ci sarà un motivo? Sicuramente si, per un buon libro c’è sempre un motivo! Il libro è del 2007, si articola in quattro capitoli:

1 – Il ruolo tradizionale delle donne nella mafia (funzioni attive e passive).

2 – Lady boss: il ruolo criminale delle donne nella mafia (narcotraffico, attività economico-finanziarie, potere mafioso).

3 – Donne di mafia: da impunite a imputate.

4 – Il pentitismo al femminile.

INGRASCI

Vi riporto la quarta di copertina

“Che ruolo hanno le donne all’interno della mafia? E come è cambiato nel corso degli ultimi trent’anni? Dalle funzioni tradizionali di custodi del codice culturale mafioso, istigatrici di vendetta e merce di scambio nelle politiche matrimoniali a quelle più moderne di corrieri della droga, mediatrici finanziarie, messaggere e boss, il coinvolgimento femminile in Cosa nostra e nella ‘ndragheta è diventato sempre più attivo fino a mettere in crisi lo stereotipo della donna ignara delle attività criminali degli uomini della propria famiglia. Questo fenomeno non è tuttavia il risultato di un’emancipazione, non solo perché l’inclusione in ambito lavorativo ha significato un ennesimo sfruttamento femminile, ma anche perché ai mutamenti nella divisione sessuale del lavoro non hanno corrisposto cambiamenti nel sistema delle relazioni di genere, che vincola ancora la donna al tradizionale patriarcato. Attraverso l’esame di documenti giudiziari, ma soprattutto grazie alle testimonianze dirette dei protagonisti e dei collaboratori di giustizia, l’autrice restituisce uno spaccato inedito del sistema mafioso ricomponendo il complesso e contraddittorio universo femminile della mafia, in cui tratti di continuità convivono con elementi di rottura rispetto al passato”.

Lo consiglio a chi voglia approfondire il tema.

Volete leggerne un estratto? Vi aspetto qui

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...